News ▪ 8 febbraio 2018

VisitUSA torna a Bit con tante novità

L’associazione VisitUSA ITALIA riconferma la collaborazione con BIT con il supporto al progetto espositivo da parte di Brand USA. Olga Mazzoni, Presidente dell’associazione, ci anticipa ciò che vivremo durante la manifestazione.

Di cosa si occupa VisitUSA Italia?

VisitUSA Italia è un’associazione senza fini di lucro che ha come scopo principale quello di promuovere e sviluppare il turismo dall’Italia verso gli Stati Uniti.

Fanno parte dell’Associazione VISIT USA Italia tutte quelle aziende, società, associazioni ed enti – italiani o statunitensi – che attivamente operano nell’Industria del Turismo e nel mercato italiano, perseguendo lo scopo dell’Associazione: promuovere gli Stati Uniti d’America quale meta preferita di viaggi di vacanza e per turismo.

Cosa vi aspettate dalla presenza a Bit2018?

Gli Stati uniti d’America tornano alla Bit con il supporto di Brand Usa e un padiglione dedicato ai viaggi e alle vacanze nella destinazione di lungo raggio più amata dagli italiani.

Comunicazione digital, Esta e agenzie di viaggio specialiste: questi saranno i tre focus dell’associazione per la partecipazione alla Borsa Internazionale del turismo per tre giorni di incontri e formazione sugli Usa.

Il padiglione americano accoglierà come sempre le destinazioni più ricercate dalle vacanze italiane negli Usa, spaziando dalle grandi città alle esperienze di viaggio più di tendenza come i percorsi in moto e in treno, alla scoperta dei festival estivi degli Indiani d’America, degli itinerari della musica e di molte altre passioni culturali, sportive, gourmet. Gli States più di ogni altra meta rispondono al desiderio di viaggiare alla ricerca di esperienze più che di luoghi.

Tre i momenti sui quali Visit Usa Italy focalizzerà l’attenzione:

  • Domenica 11 febbraio giornata dedicata al grande pubblico e a chi deve scegliere le vacanze 2018: il padiglione sarà animato da una band di musica blues in collaborazione con l’associazione culturale Rootsway per ispirare i prossimi itinerari negli Stati Uniti.
  • Lunedì 12 Febbraio momenti di formazione professionale dedicata alle agenzie di viaggio con un Convegno Visit USA in sala Amber alle ore 14 su  “Ci sono click e click: l’America tra post e scatti” con il contributo di Simona Sacrifizi Travel Blogger e Lucio Rossi Direttore Editoriale di Latitudes, segue un’informativa aggiornata su “ESTA: come facilitare l’accesso negli USA prima di viaggiare” a cura della Consolare STATE.GOV.
  • In partnership con Bit 100 agenzie di viaggio Usa Ambassador verranno ospitate a Milano, testimoni dell’alto livello di formazione raggiunto dal programma di webinar promosso dall’associazione, che ha diplomato 153 agenti di viaggi nel 2017, dei quali 28 con il titolo di Master. In totale gli specialisti sono 1053 nei quattro anni di durata del programma di formazione, per il 58% localizzati al Nord e per il 23% al Centro e per il 19% restante al Sud e isole.

Come associazione avete in programma novità o iniziative particolari per il 2018? 

Continueremo a rinforzare il nostro programma arricchendolo sempre più di iniziative, sempre volte alla divulgazione della conoscenza degli Stati uniti.

Le attività di punta dell’Associazione Visit USA sono:

– Showcase 2018 USA Italy 21° edizione che si svolgerà a Venezia dal 4 al 5 marzo all’Hilton Molino Stucky dove gli Stati Uniti incontrano il trade italiano: è un evento annuale che riunisce gli operatori della domanda e dell’offerta americana di viaggi. Il workshop, organizzato dallo U.S. commercial Service del Consolato Usa a Milano e in collaborazione con Visit Usa Italy, è aperto alle agenzie di viaggio che insieme ai migliori Tour Operator italiani incontreranno oltre 50 aziende americane in appuntamenti prefissati e della durata di 15 minuti.

I webinar di formazione dell’associazione Visit Usa Italy sul prodotto Stati Uniti hanno raggiunto un valore  pari a 120mila euro negli anni 2014, 2015, 2016 (circa 150 appuntamenti). Cui vanno aggiunti quelli effettuati nel 2017.

I webinar sono rivolti agli Agenti di Viaggio. Il nostro programma webinar è stato riconosciuto quale  Miglior  Programma di Formazione da Italian Travel Awards 2017.

La Visit USA Italia offre un’attività di formazione al trade, ossia al segmento b2b. Da alcuni anni abbiamo un programma di webinar dedicato agli agenti di viaggi. I più meritevoli vengono premiati con l’attestato di “USA Ambassador”. Questo programma webinar ha vinto l’Italia Travel Award 2017 come “miglior progetto di formazioni per le agenzie di viaggi”.

A queste attività si aggiungono gli eventi come le fiere di settore. Per quanto riguarda il b2c aderiamo alle varie iniziative dei nostri partner quali la Fondazione Italia-USA, Rootsway, AITGLe Brand USA.

Inoltre nel 2018 l’associazione intende aumentare le quote delle agenzie di viaggi del Centro Sud Italia per rendere più omogenea la distribuzione degli specialisti, anche al fine di ottenere monitoraggi delle vendite più esaustivi.

Gli agenti che ottengono il certificato di Usa Ambassador e Master vengono successivamente selezionati per attività speciali tra workshop, organizzati dai singoli soci di Visit Usa Italy, e azioni di comunicazione in sinergia con la pagina Facebook dell’associazione. Per i Master il coinvolgimento riguarda, inoltre, la partecipazione a eductour, come lo è stato per il recente viaggio a Boston e a New York cui hanno partecipato 10 dettaglianti, in questo caso premiati per il loro impegno e ospitati in toto.

Infine, la nostra associazione è molto impegnata sul fronte della formazione e la novità di questo Dicembre 2017 è il primo Eductour dove una serie di “USA Ambassador”, agenti di viaggi attestati dalla Visit USA Italia, vengono invitati ad una viaggio di formazione negli USA. Si tratta di un viaggio itinerante con la collaborazione di vari fornitori di servizi turistici americani e vettori aerei. Il programma prevede visite a siti specifici e formazione ad hoc sul posto. Il primo Eductour era composto da 9 partecipanti in viaggio tra Boston e New York. L’obbiettivo era di offrire una conoscenza spiccata degli USA agli attori del settore della distribuzione tursitica che potranno trasferire con entusiasmo il desiderio di viaggio negli USA alla propria clientela.

Quali numeri raggiungono i flussi turistici dall’Italia verso gli USA e quali sono le mete più richieste?

Il 2016 ha subito una lieve flessione, circa il 5%, ovvero un numero complessivo di 982 mila 841 visitatori italiani, secondo l’ufficio di statistiche governativo. Per il 2017 I dati sono purtroppo fermi al secondo trimestre (genniao-giugno) con 422349 visitatori, un lieve aumento rispetto al 2016. Un dato in controtendenza rispetto ai maggiori paesi europei che hanno visto diminuire i loro visitatori negli USA.

Sono molte le tipologie di turismo che si possono praticare negli Stati Uniti.

Teniamo sempre presente che gli USA sono il primo paese in numero di visitatori. Di conseguenza l’offerta di attività turistica è enorme.

Il Fly&Drive è sempre più apprezzato, i tour operator italiani propongono degli itinerari sempre più attraenti e affascinanti. Oltre alle classiche rotte nei parchi, vengono proposte nuove aree da scoprire. Questa modalità di viaggio permette di combinare molteplici tipologie di turismo come quella culturale, naturalistica, sportiva e l’abbinamento alle visite delle grandi città che spesso sono l’inizio e la fine di un itinerario. Oltre alle quattro ruote ci sono anche i viaggi “on the road” a due ruote. Un prodotto di nicchia che attrae sempre più appassionati di moto.

Gli USA riescono sempre a stupire nelle moltitudini di attività ed eventi che possono essere vissuti. Per esempio possiamo parlare del Foliage d’autunno in New England e Maine dove vengono organizzati corsi fotografici specifici. Ci sono le attività outdoor come le cavalcate nell’ovest, quelli naturalistici come i working ranch. Ovviamente ci sono anche le attività culturali quali i tour culinari e quelli architettonici nelle grandi città. Sempre nelle grandi città vengono organizzati i “walking tour” dove si scoprono zone delle città spesso escluse dalle visite turistiche.

Si prevede un continuo aumento di visitatori italiani. I trend sono positivi e il settore si sta strutturando in tal senso. Intanto notiamo un aumento considerevole di possibilità di volare verso gli USA. Cosa che stimola non poco il mercato e le regole di ingresso attualmente rimangono sostanzialmente invariate, i tour operator che si concentrano sugli USA continuano a crescere e il prodotto offerto si differenzia sempre di più. Sempre più attori della distribuzione si dedicano agli Stati Uniti come per esempio l’impegno nell’ambito del turismo d’affari piuttosto che l’attenzione ai viaggi dedicati ai portatori di handicap.

 

Ringraziamo Olga Mazzoni e vi consigliamo di non perdervi il padiglione di VisitUSA a Bit2018 per organizzare la prossima vacanza a stelle e strisce.