News ▪ 11 dicembre 2017

Cipro: dalla Biennale a Bit2018

Il 2018 sarà per Cipro un anno ricco di importanti novità. Ne abbiamo parlato con Christos Tsiakas, direttore dell’Ente del Turismo di Cipro in Italia.

Buongiorno. Ci può dire qualche curiosità su Cipro?

Cipro è la terza isola del Mediterraneo. Nel corso della sua storia è stata contesa tra le civiltà che hanno fatto la storia del Mediterraneo e oggi, grazie alla straordinaria eredità storico-culturale, regala al visitatore un’esperienza straordinaria. I siti archeologici presenti sono più di venti e lo stato di conservazione di mosaici come quelli presenti nelle ville romane (II-IV secolo d.C.) Casa di Teseo e Casa di Dioniso, nella zona di Pafos, o vicino a Lemesos (Limassol), il sito archeologico di Kourion con il suo teatro dalla perfetta acustica, affacciato sul mare, e la villa del V secolo d.C., casa di Eustolio, consentono di fare letteralmente un viaggio nel tempo. La leggenda vuole che al largo delle sue coste nella località denominata oggi Petra Tuo Romiou sia nata Venere. Il luogo è spettacolare e si dice che girando tre volte attorno allo scoglio che ha visto sorgere Venere dalle acque si ringiovanisca. Di inestimabile valore sono anche le vestigia bizantine presenti in differenti monumenti. Una menzione particolare spetta alle chiese, patrimonio UNESCO, presenti sui monti Troodos, area perfetta anche per fare passeggiate, trekking e trail.
Tra i tesori di Cipro non si può non menzionare anche quello che sembra essere il vino più antico del mondo, la Commandaria. È un passito caratterizzato da un bouquet ricchissimo di sfumature aromatiche che si abbina splendidamente con la pasticceria secca, altra gloria enogastronomica dell’isola, e con alcuni suoi formaggi. Restando in tema di cibi prelibati, un rito irrinunciabile è quello del meze cipriota: ci si siede a tavola e si attende una lunghissima sequenza di portate che conta verdure fresche, salse di accompagnamento, verdure preparate in differenti modi, formaggio (halloumi) alla piastra, carne arrosto, in umido, alla brace, frittate, zuppe, particolari tipi di pasta… Ogni ristorante ha la propria particolare versione e il meze ha anche una variante di pesce. Oltre alla sua bontà, altra cosa bella è l’atmosfera di gioia condivisa che crea tra i commensali che si passano piatti e vassoi per servirsi le differenti squisitezze portate a tavola. Luogo imperdibile è anche la capitale Lefkosia (Nicosia) che mescola uno spirito frizzantemente cosmopolita a tracce del passato come l’hammam Omerye, il cui edificio risale al secolo XIV, periodo della dominazione francese, con la dinastia dei Lusignano. La sua recente ristrutturazione lo ha riportato ai fasti di un tempo ed è bellissimo godersi un bagno turco o qualche trattamento ammirandone le antiche architetture. Con un clima mite tutto l’anno, Cipro è anche il tempio degli sportivi. Nel corso dell’anno ospita differenti maratone – con mezze maratone e tracciati brevi adattati a tutti – che radunano un pubblico internazionale. Note in tutto il mondo sono anche le competizioni legate alla mountain bike e una granfondo per bici da corsa, aperto a tutti gli appassionati, con un percorso vista mare mozzafiato. Numerosi sono i centri in cui noleggiare ogni tipo di bicicletta così come sono numerosi i centri diving, attivi sia nei mesi estivi sia in quelli meno caldi, ma, comunque, adatti alle immersioni.

Quali sono gli aspetti di Cipro più apprezzati dai turisti?

Cipro è letteralmente un piccolo mondo e come tale offre un motivo di interesse e curiosità a tutte le tipologie di viaggiatori. In estate, naturalmente, l’attrattiva maggiore è il mare che è tra i più puliti del Mediterraneo con ben 63 Bandiere blu. Tuttavia, anche chi raggiunge l’isola per una vacanza balneare, approfitta della varietà delle sue risorse per scoprire archeologia, natura, arte e gastronomia. Le numerose attrattive sono un forte catalizzatore anche nei periodi di bassa stagione con un pubblico che si interessa allo straordinario mix natura-cultura, godibile tutto l’anno. Davvero i giorni di sole sono 300 e questo fattore rappresenta una condizione perfetta per stare bene anche all’aria aperta in ogni stagione.

Cosa vi aspettate dalla presenza a Bit2018?

Ci aspettiamo un ulteriore avvicinamento ai viaggiatori italiani. Ancora troppo spesso Cipro è considerata un’isola greca e ogni occasione per presentare la nostra unicità è preziosa. Come prezioso è far conoscere le numerose possibilità che offre legate al turismo. Dalla prossima estate, inoltre, ci sarà un nuovo volo operato da Cyprus Airways che collegherà Verona a Larnaca. Il volo si aggiunge alle altre tratte di Aegean Airlines, Alitalia, Easy Jet e Ryanair ed è molto importante poiché i flussi di visitatori sono strettamente legati alle possibilità di raggiungere l’isola con facilità. Ci aspettiamo di parlare in questa occasione anche alle agenzie di viaggio dell’area che gravita attorno a Milano al fine di approfondire anche con loro la conoscenza delle nostre potenzialità.

Dopo l’anno di Pafos come capitale della cultura 2017, avete in programma novità o iniziative particolari per il 2018??

L’isola ha un programma di iniziative che occupa l’interno calendario. Tra le novità più interessanti del 2018, la prima biennale d’arte di Cipro! Avrà luogo a Larnaca, che con Pafos è una delle città più antiche dell’isola, con una datazione che risale a 4.000 anni fa. L’appuntamento prenderà il via il 17 ottobre e terminerà il 30 novembre. L’area espositiva principale sarà ospitata in tre zone storiche della città: la Galleria Municipale, il Museo Pierides e la Casa dell’Arte e della Letteratura. Unitamente alle attività prettamente espositive, la manifestazione ospiterà numerosi eventi quali concerti, performance, letture e spettacoli teatrali. Larnaca Biennale 2018 sarà quindi un evento adatto a differenti tipi di pubblico e un’ottima occasione per scoprire questa bellissima località. Un altro evento molto interessante è il Pafos Aphrodite Opera Festival, che dal 31 agosto al 2 settembre porterà in scena un’opera amatissima dal pubblico italiano e di tutto il mondo come il Barbiere di Siviglia di Rossini. Altro appuntamento di fine estate è il Kypria festival che unisce artisti ciprioti e internazionali di grande prestigio, attivi in ambiti differenti. Molto particolare e divertente, a giugno, 50 giorni dopo la Pasqua ortodossa, in differenti città, andrà in scena Kataklysmos, ricorrenza che per più giorni in un clima gioioso unisce arte, gastronomia, sport legati all’acqua, elemento che è il filo conduttore di tutte le attività. Oltre che alla Pasqua, Kataklysmos è legato alle antiche cerimonie organizzate in onore di Venere e Adone.

 

Non ci resta che darvi appuntamento a Bit2018, dall’11 al 13 febbraio, per scoprirne di più.