News ▪ 16 gennaio 2018

A Bit2018 l’evoluzione della Regione Lombardia come meta turistica

Con Mauro Parolini, Assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia, analizziamo il percorso di crescita della Regione come destinazione turistica di successo.

 

Con la DMO Explora avete contribuito a rilanciare l’immagine della Regione Lombardia e avete creato importanti momenti di formazione turistica. Quali sono le campagne e iniziative più importanti in questo momento?

Abbiamo appena portato a termine un progetto di comunicazione da 1,7 milioni di euro, “#inLombardia c’è tanto da scoprire”, che prevedeva affissioni, inserzioni stampa, radio e tv locali e nazionali, iniziative sui canali digital e social, fino al guerrilla marketing e ad un concorso internazionale che mette in palio soggiorni nelle località lombarde. È un’iniziativa senza precedenti in Lombardia, 8.000 spazi fisici, installazioni collocate in 13 hub aeroportuali nazionali ed europei, nelle 10 principali stazioni ferroviarie nazionali e in luoghi chiave come Piazza di Spagna a Roma e Campo San Bartolomeo, a 20 metri dal Ponte di Rialto a Venezia, catalizzatori dell’interesse dei visitatori stranieri e di quelli nazionali. All’estero la campagna ha puntato in particolare su Londra, con affissioni dinamiche sui caratteristici bus a due piani, e su New York, con circa 7200 passaggi programmati su due maxischermi a Times Square.

 

Come è cambiata in questi anni l’immagine della Lombardia come regione turistica?

È cambiata radicalmente. Innanzitutto si è affermata come una destinazione turistica: le dice l’aumento a doppia cifra di arrivi e presenze negli ultimi tre anni, lo dicono gli investimenti nel settore e la qualità che il sistema turistica sta via via esprimendo. Da regione conosciuta nel mondo per il ruolo di leadership economica, nei settori manifatturieri, nei servizi, nella moda e nel design, la Lombardia sta finalmente rivelando anche la sua grande vocazione turistica, forte di una ricchissima offerta. Un trend di crescita sostenuto dal grande dinamismo della filiera e dalla forte accelerazione che abbiamo impresso al turismo durante questa legislatura: c’è una nuova legge, un impegno economico di oltre 60 milioni di euro per valorizzarlo, un nuovo modo di gestirlo e soprattutto una più moderna ed organica strategia di promozione grazie alla nostra Destination Management Organization Explora.

 

Cosa vi aspettate dalla presenza a Bit2018?

Bit è un manifestazione internazionale in continua evoluzione. Una piazza in grado di garantire opportunità esclusive, coinvolgere espositori, buyer e visitatori anche dall’estero, e offrire una segmentazione di prodotto unica nel panorama fieristico italiano. È una delle vetrine più importanti per la promozione dell’offerta turistica del territorio ed è in grado di raccoglie intorno a sé anche un numeroso pubblico di visitatori, appassionati di viaggi, televisioni e stampa. Ci aspettiamo quindi che si confermi come opportunità per la promozione e la commercializzazione del prodotto turistico lombardo, soprattutto in questo momento di cambiamento e di grande crescita per la Lombardia.

 

Come ente turistico avete in programma novità o iniziative particolari per il 2018?

Il 2018 ci vedrà impegnati in molte iniziative di promozione esperienziale, digitale, di innovazione e soprattutto nell’internazionalizzazione su mercati ancora non toccati. Inoltre sarà l’Anno del Cibo italiano nel mondo e la Lombardia continuerà il progetto di turismo enogastronomico Sapore in Lombardia portando le eccellenze lombarde all’estero, con eventi, temporary store e campagne mirate. Lavoreremo dando continuità ai filoni tematici avviati nel 2017, dal cicloturismo alle città d’arte, dalla moda al benessere, dalla promozione dei laghi a quella delle montagne; e alcune nostre iniziative di successo – come gli influencer tour di #inLombardia365 – cambieranno nome e pelle diventando ancora più virali e ingaggianti, perché l’innovazione fa parte del nostro DNA. Per i nostri operatori e stakeholder della filiera è stato messo a punto un ecosistema digitale turistico e un programma formativo che consentirà loro di formarsi, mettersi in rete, declinare la propria offerta e darne visibilità sui canali di inLombardia. Tante iniziative, alcune delle quali verranno presentate proprio al nostro stand, per saperne di più vi aspettiamo in BIT.

 

A presto allora! Save the date: dall’11 al 13 febbraio la Lombardia è a Fieramilanocity – MICO.